lunedì 15 giugno 2015

Un fiore o un ciottolo

 

EUGENIO MONTEJO

LA POESIA

La poesia attraversa la terra da sola,
appoggia la sua voce sul dolore del mondo
e non chiede altro
che qualche parola.

Arriva da lontano e senza orario, non avvisa mai;
ha la chiave della porta.
Quando entra, sempre si sofferma a guardarci.
Poi apre la mano e ci dona
un fiore o un ciottolo, qualcosa di segreto,
ma così intenso che il cuore batte
troppo veloce. E ci svegliamo.

(da Alfabeto del mundo, 1986)

.

Il poeta venezuelano Eugenio Montejo (1938-2008) espone la sua concezione di poesia: è un mistero che viene da lontano, che appare all’improvviso e che ci sa ammaliare con la sua meraviglia: quello stupore che proviamo di fronte ad essa è il risveglio dei nostri sensi, del nostro spirito, di quel qualcosa che è dentro di noi e che ci permette di riconoscere in quella meraviglia il segreto legame tra le cose.

.

Poison

RENÉ MAGRITTE, “POISON”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
A tutti gli astri conduce il sogno / ma solo sulla terra ci svegliamo.
EUGENIO MONTEJO, Terredad

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...