venerdì 26 giugno 2015

Crepuscoli estivi

 

VINCENZO CARDARELLI

LARGO SERALE

È l’ora dei crepuscoli estivi –
quando il giorno pellegrino
si ferma e cade estenuato.
Dolcezza e meraviglia di queste ore!
Qualunque volto apparisse in questa luce
sarebbe d’oro.
I riflessi di raso degli abitati sul lago.
Dolce fermezza di queste chiome
d’alberi sotto i miei occhi!
Alberi della montagna italiana.
Di paese in paese
gli orologi si cantano l’ora
percuotendosi a lungo nella valle
come tocchi d’organo gravi.
 
Poi più tardi nella festa notturna,
la lentezza dei suoni dura ancora…

 
(da Poesie, 1936)

.

Sono sere dolcissime queste intorno al solstizio che godono ancora della lunghezza del giorno, che sembra non volere mai finire e si attarda a disegnare nuvole di rame nel cielo occidentale. È quella l’estenuazione, il languore che sottolinea Vincenzo Cardarelli (1887-1959): si rimane lì stupiti a osservare il crepuscolo dopo le nove di sera, a sentirne quel gusto magico di pace che emana quiete e tranquillità e la meraviglia ci riempie di dolcezza come un Largo musicale, tempo lento e solenne.

.

Crepuscolo

FOTOGRAFIA © DANIELE RIVA

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
È al crepuscolo che ci si isola, / alla caduta del sole.
PÄR LAGERKVIST

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...