giovedì 4 giugno 2015

Come quei delfini

 

GREG DELANTYDelanty

ASSUEFATTO

Sono come quei delfini
di cui leggevo, relegati in celle d’isolamento
di una piscina con porte automatiche.
Uno zoologo manipolava i loro incontri
per osservarne il comportamento sessuale.
Il solo delfino liberato
che in seguito rifiuta di tornare in mare
e dà testate al portale d’ingresso per rientrare.

(da L’Antologia Palatina Libro XVII, 2011 - Traduzione di Antonello Borra)

.

Naturalmente non esiste un diciassettesimo libro dell’Antologia Palatina, la raccolta di oltre 4000 epigrammi ellenistici rinvenuti nella biblioteca di Heidelberg nel 1607: il poeta irlandese Greg Delanty (Cork, 1958) lo inventa per usare voci e toni diversi a seconda dei poeti fittizi che incarna di volta in volta: Dano, Longlio, Melogo, Antiprato il Viaggiatore, Gregorio di Cork. Tratta dell’infelicità, del vivere, della gloria, dell’infanzia, dell’amore e dell’eros, come nei versi qui proposti, attribuiti ad un appropriato Libertino, che medita sull’assuefazione a ogni cosa che la società moderna impone e all’impossibilità di liberarsi.

.

Delfini

FOTOGRAFIA © HD SCREEN

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Si cambia più facilmente la religione che il caffè.
GEORGES COURTELINE

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...