domenica 21 giugno 2015

Altre due poesie per l’estate

 

L’estate ha un suo fascino particolare: è la bella stagione, il tempo delle giornate lunghe e calde, il momento per rimanere fuori, per stare all’aria aperta. È la stagione del mare e della montagna. Ed è anche il tempo della memoria che si ricorda a lungo: la gioventù, l’amore estivo, un viaggio, i Mondiali, il cornetto Algida… Due poeti spagnoli per celebrare questa nuova estate che inizia oggi con il solstizio: il famosissimo Federico García Lorca (1898-1936) e Manuel Machado (1874-1947), fratello del più noto Antonio.

.

FEDERICO GARCÍA LORCALorca

NOTTE D’ESTATE

L'acqua della fonte
suona il suo tamburo
d’argento.
Gli alberi
tèssono il vento
e i fiori lo tingono
di profumo.
Una ragnatela
immensa
fa della luna
una stella.

.

.

 

.

.

MANUEL MACHADOManuel Machado

ESTATE – GIOVENTÙ

Febbre dell’anno, pienezza della vita,
verde dell’anima e splendore della pianura...
Cieca
follia accesa.
Estate, gioventù, tripudio di colori.
Vivo carminio del labbro assetato...
Violento
rosso dei garofani inebrianti
... E mentre qui
Amore pronunzia il suo sì
(bemolle),
la verde lacca dell’alloro
distilla - come miele -
la luce del sole.

.

.

Estate

FOTOGRAFIA © ZWIM

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
L'aria è rosa. Un antico crepuscolo ha tinto la piazza e le sue mura. E dura sotto il cielo che dura, estate rosea di più rosea estate.
DINO CAMPANA, Canti orfici

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...