giovedì 23 aprile 2015

Una lettura corporea

 

GLORIA BOSCHBosch

PROPOSTA

Ti propongo stanotte
di trovare un accordo,
un dialogo tra il mio corpo e il tuo corpo
una conversazione senza parole,
un silenzio di progetti,
che le tue dita interpretino
il linguaggio delle mie dita.
Ti propongo, semplicemente,
di prolungare la carezza,
di non pianificare l’arrivo al culmine
ma di navigare con il remo delle mie braccia
senza affatto usare i salvagente
o che il tempo tenga lo sguardo
fermo sui bottoni della tua camicia.
Ti propongo un patto di sussurri,
un convegno di gemiti,
un monologo di grida,
che tutto quel che ci diciamo
sulla pelle rimanga scritto.
Ti propongo una notte interminabile,
lenta, lentissima, così lenta
che quando ce lo domandiamo il mattino
non sappiamo chi siamo
né dove andiamo,
come se imparassimo di nuovo a leggere
proprio come due bambini piccoli,
come se imparassimo di nuovo a scrivere
sul pallido foglio del nostro corpo.
Ti propongo una lettura corporea
dal prologo dei tuoi occhi
all’epilogo della mia bocca.

(Propuesta, da Dédalo del deseo, 1998)

.

“Una lettura corporea” è infine quello che chiede la poetessa spagnola Gloria Bosch (Barcellona, 1959): in questi versi è il desiderio che si dispiega, che prorompe dalle parole, sono i corpi che attendono di parlare e scrivere, di farsi essi stessi parola e poesia: “Non volevo mostrarti il mio testo amoroso / preferivo scriverti una poesia sul corpo / con le mie dita sorde”.

.

Luongo

ALDO LUONGO, “BROOKLYN, 1973”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
L’amore non è cieco / siamo noi che non vediamo.

GLORIA BOSCH, Desnudario

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...