martedì 28 aprile 2015

L’eco di una conchiglia vuota

 

GONZALO MILLÁNgonzalo_millan

IMPRONTA SULLA SABBIA

Prima che giunga la voce della marea
e il bianco bollire d’uovo della spuma,
ascolto l’eco di una conchiglia vuota
come il silente incavo d’aria scura
che rimane in ogni impronta di un passo.

(Paso por la arena, da Relación personal , 1968)

.

Ancora il mare, ancora la solitudine di una spiaggia: il poeta cileno Gonzalo Millán (1947-2006), rappresentante della “Generazione del Sessanta”, postavanguardia che trova ispirazione nella pop art e che tende a mediare poesia e plastica con l’osservazione degli elementi e la loro trasposizione, trova la sua arte resa visibile nelle impronte sulla sabbia, effimere perché presto verrà l’onda di marea a riempirle e cancellarle.

.

Impronta

FOTOGRAFIA © PINTEREST

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Il fascino della storia, come quello del mare, risiede in ciò che cancella: l'onda che sopraggiunge fa sparire dalla sabbia la traccia della precedente.
GUSTAVE FLAUBERT, Attraverso i campi e lungo i greti

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...