mercoledì 29 aprile 2015

Immagine di secondi

 

JAIME GIL DE BIEDMAgil_de_biedma

MATTINA DI IERI, DI OGGI

Cade la pioggia sul mare.
Dalla finestra aperta,
contemplandola, appoggi
la tempia sul vetro.

Immagine di secondi,
immobile in controluce
si staglia il tuo corpo, nudo
ancora dalla notte.

E ti volgi verso me,
sorridendomi. Io penso
a come è passato il tempo,
e ti ricordo così.

(Mañana de ayer, de hoy, da Moralidades, 1966)

.

Una donna alla finestra arriva a impersonare il ricordo in questi versi del poeta catalano Jaime Gil de Biedma (1929-1990), autore barcellonese della Generazione del ‘50, dalla grande sensibilità poetica: è dal tesoro dei ricordi erotici e teneri che la memoria la estrae, confondendo i tempi nel breve momento di una poesia, cancellando la linea che va dal passato al presente: “Hai lasciato il balcone. / Si è fatto buio nella stanza / mentre ci guardavamo teneramente, a disagio / nel non sentire il peso di tre anni. / Tutto è uguale, sembra / che fu ieri”.

.

Tuschman

FOTOGRAFIA © RICHARD TUSCHMAN, DA EDWARD HOPPER

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
I misteri dell’amore sono dell’anima, ma un corpo è il libro in cui si leggono.
JAIME GIL DE BIEDMA

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...