sabato 14 marzo 2015

La notte e il dolce vento

 

SANDRO PENNA

MI NASCONDA LA NOTTE E IL DOLCE VENTO

Mi nasconda la notte e il dolce vento.
Da casa mia cacciato e a te venuto
mio romantico fiume lento.

Guardo il cielo e le nuvole e le luci
degli uomini laggiù così lontani
sempre da me. Ed io non so chi voglio
amare ormai se non il mio dolore.

La luna si nasconde e poi riappare
- lenta vicenda inutilmente mossa
sovra il mio capo stanco di guardare.

(da Poesie, Garzanti, 1957)

.

Sono versi di un uomo stanco questi di Sandro Penna (1906-1977), pervasi di una oscura malinconia: lì, sulla riva del Tevere, la solitudine gli appartiene, “l’incapacità di stabilire e di esprimere un rapporto razionale e riconoscibile con il mondo” come rilevò Giacomo Debenedetti, quell’impossibilità di relazionarsi che farà dire al poeta “Il mio canto d'amore, il mio più vero / era per gli altri una canzone ignota”.

.

Tevere

IMMAGINE © MRWALLPAPER

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Il giorno ha gli occhi di un fanciullo. Chiara / La sera pare una ragazza altera. / Ma la notte ha il mio buio colore, / il colore di un cupo splendore.
SANDRO PENNA, Poesie

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...