giovedì 12 marzo 2015

Il poeta è un fingitore

 

FERNANDO PESSOA200px-Fernando-pessoa1

AUTOPSICOGRAFIA

Il poeta è un fingitore.
Finge così completamente
che arriva a fingere che è dolore
il dolore che davvero sente.

E quanti leggono ciò che scrive,
nel dolore letto sentono proprio
non i due che egli ha provato,
ma solo quello che essi non hanno.

E così sui binari in tondo
gira, illudendo la ragione,
questo trenino a molla
che si chiama cuore.

1° aprile 1932

(Autopsicografia, da Una sola moltitudine, Adelphi, 1979 – Traduzione di Antonio Tabucchi)

.

Questa è la poesia di Fernando Pessoa (1888-1935) che preferisco: è naturalmente il perno su cui gira tutta l’opera dello scrittore portoghese, con i suoi tre poeti eteronimi – non pseudonimi, ma veri e propri alter ego, ciascuno fornito di un suo stile e di una sua personalità caratteristica e completa, capaci di assumere autenticità proprio in seguito a questa loro attività artistica. È la “finzione vera” di cui prende carico, in minore o maggior misura, chi scrive, affidandosi all’introspezione, fondendo il reale con i sogni, il passato con il presente e con il futuro.

.

fernando_pessoa

FOTOGRAFIA © BAIRROS DOS LIVROS

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Niente si sa, tutto si immagina.
FERNANDO PESSOA, Una sola moltitudine

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...