sabato 28 marzo 2015

Contemplare: fondersi

 

GABRIEL ZAID

SERA AL RALLENTATORE

Il tuo corpo, il mondo, corre.
I miei occhi, il mondo, anche.
Nessuno ama due volte con gli stessi occhi.
Contemplare: fondersi.

(Tarde en cámara lenta, da Práctica mortal, 1973)

.

Il poeta messicano Gabriel Zaid (Monterrey, 1934) parte dal celebre assunto logico di Eraclito (“non ci si può bagnare due volte nello stesso fiume”) per costruirci un assioma amoroso: ogni sguardo dato all’amata apporta qualche cosa di diverso, come l’acqua che scorre. Guardare è aggiungere una parte di sé, di tempo, di vita.

.

Imagen3

IMMAGINE © MIRADAS CONTEMPLATIVAS

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
La mia amata è una terra che ripaga. / Non perde mai quello che in lei si semina. / Ogni fede riposta in lei fruttifica. / Anche la più piccola parola in lei dà frutto.
GABRIEL ZAID, Reloj de sol

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...