venerdì 20 febbraio 2015

Nel suo vestito da ballo, l’aurora

 

WINÉTT DE ROKHADe Rokha

TRAIETTORIA QUOTIDIANA

L’alba mi offriva in grappolo
le sue coppe di perle livide;
infilate nella collana del vento
rinfrescarono i miei seni nudi.

Si era paralizzato il silenzio
intorno alla città caotica;
sentivo fremere le radici addormentate
degli alberi, nel mio cuore.

Nel suo vestito da ballo, l’aurora
illuminava ancora pallide stelle;
una folata inattesa cambiò il corso
delle idee al boschetto pensoso.

Il sole!
Il paesaggio ne fu trasfigurato,
e sorse un balbettio
di belati, di trilli e di bramiti…

(da Cantoral, 1936)

.

Semplicemente un’alba. Ma la poesia di Winétt de Rokha (1892-1951), autrice cilena, riesce a trasfigurare le cose con una mistica che non è propriamente religiosa, ma umana: il suo modo di vedere, in questa cronaca di un’aurora che a poco a poco si trasforma e riaccende il mondo, arriva a riconoscere in essa terre inesplorate, ci riporta sensazioni ataviche forse impresse da millenni nel nostro DNA.

.

Frampton

JENNIFER FRAMPTON, “MOUNTAIN SUNRISE”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Noi pure sorgiamo, abbaglianti e tremendi come il sole, / e fondiamo la nostra aurora, o anima mia, nella calma frescura dell'alba..
WALT WHITMAN, Foglie d’erba

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...