giovedì 8 gennaio 2015

Torna a vestirti di indicibile

 

ULALUME GONZÁLEZ DE LEÓN

PAROLA

Parola pronunciata
così sola
così nuda:
torna a vestirti di indicibile.

(Palabra, da Plagio II, 1980)

.

È l’essenza della poesia quella che la poetessa messicana di natali uruguaiani Ulalume González de León (1932-2009) evoca in questi pochissimi versi: undici parole per esprimere il senso stesso dell’opera poetica, quel dire l’indicibile, quell’esplorare il territorio sconosciuto dove le parole assumono un’altra valenza, come i termini magici di una Sibilla, e l’intuizione supera il significato, così come l’immagine ha più valore del concetto.

.

Mihai_Criste_10

MIHAI CRISTE, “MEMORIE DEL FUTURO”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Non puoi parlare nella lingua degli uccelli / Non puoi parlare nella lingua del vento / Non puoi parlare nella lingua del mare / Ti mancherebbe / credo / l' esprit de la langue // Quello che hanno detto l’onda l’aria il merlo / non ammette discussioni // Tu invece torci / e ritorci le parole
.
ULALUME GONZÁLEZ DE LEÓN, Plagio II

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...