mercoledì 7 gennaio 2015

Le tue lievi impronte

 

PHILIP LARKIN

MATTINO INFINE: LÀ NELLA NEVE

Mattino infine: là nella neve le tue
lievi impronte d'arrivo e di ritorno.
Null'altro ci ha lasciato la notte di visibile,

non la candela, il vino bevuto a metà,
né il tocco della gioia; soltanto questo segno
della tua vita che alla mia cammina.

Finché la pioggia le cancelli, e resti
la verità cui ci svegliò il mattino;
felicità o dolore non sappiamo.

1° febbraio 1976

(Morning at last: there in the snow, da Collected Poems, 1988 - Traduzione di Silvio Raffo)

.

Una donna che arriva nella casa del poeta ad Hull per passarvi la notte e poi se ne va – una delle tre: nel 1976 Philip Larkin (1922-1988), intratteneva contemporaneamente relazioni con la compagna ufficiale Monica, l’ex compagna Maeve e la segretaria Betty! Le sue impronte nella neve sono l’unico vero segno del passaggio, effimero come il fluire del giorno, incerto come il suo divenire.

.

Harald Sohlberg Storgaten

HARALD SOHLBERG, “STORGATEN

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Il nostro quasi-istinto quasi-vero: / ciò che resterà di noi è l’amore.
PHILIP LARKIN, The Whitsun Weddings

2 commenti:

Paolo ha detto...

Complimenti al poeta! Altro che impronte sulla neve...

DR ha detto...

"un bel volpino"

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...