giovedì 22 gennaio 2015

L’acuta voce del bambino

 

KO UNKo Un

DI RITORNO DALL’HIMALAYA

Non provavo dolore.
Era un giorno freddo
in cui desideravo togliermi gli occhi
e metterne altri.
Di ritorno dall’Himalaya
un bambino mi chiese
che cosa ci fosse lì.
Desiderai diventare anch’io l’acuta voce del bambino.

(da L’isola che canta, Lietocolle, 2009 - Traduzione di Vincenza D’Urso)

.

.

TOBIA ALBERTI

L’ALTO PALCOSCENICO DELLA MENTE

l'alto palcoscenico della mente

produzione originale di tobia alberti (tobiaalberti.com) per “il canto delle sirene”, 2015 – tutti i diritti sono riservati all’autore

.

.

Ko Un (Kunsan, 1933), poeta coreano più volte candidato al Nobel per la Letteratura, è stato per anni un monaco buddhista. Troviamo in questi versi la sua “ansia” di verità, la ricerca continua di una risposta che non riesce a trovare e che forse si può solamente sfiorare. Sta tutta in questo non detto, nell’incontro con un bambino che gli domanda che cosa abbia visto sull’Himalaya e che gli fa comprendere di non avere trovato ancora nulla, che c’è più verità nella sua voce acuta che in tutta la sua faticosa meditazione.

.

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Ora accetto i sogni. / Le cose non sono più solo come sono.
KO UN

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...