venerdì 8 gennaio 2016

Bianchi pennacchi


ATTILIO BERTOLUCCI
VENNERO I FREDDI


Vennero i freddi,
con bianchi pennacchi e azzurre spade
spopolarono le contrade.
Il riverbero dei fuochi splendé calmo nei vetri.
La luna era sugli spogli orti invernali.


(da Fuochi in novembre, 1934)
.
Poche pennellate, e il poeta parmense Attilio Bertolucci (1911-2000) dipinge un bozzetto delle sue terre d’inverno, quelle pendici d’Appennino dove scorrono il Cinghio e l’Enza, che a maggio si riempiranno del rosso dei papaveri e del verde e giallo delle gaggìe. Ora sono il bianco e l’azzurro a dominare il deserto ghiacciato su cui splende la luna, mentre tutti riposano al caldo dei camini nelle case.

.
Carmignani
GUIDO CARMIGNANI, “SUL CINGHIO, EFFETTO D’INVERNO”
.
--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Scende la notte – / nessun fiore è nato – / è inverno - anima – / è inverno.
ANTONIA POZZI, Parole

2 commenti:

Vania ha detto...

....museo a cielo aperto.

ciaoo Vania:)

DR ha detto...

la natura... bella definizione

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...