martedì 2 dicembre 2014

Colore, letizia infinita

 

DIEGO VALERI

CHITARRA VENEZIANA, PRELUDIO

C’erano prima i tralci dorati,
sciolti spioventi dai davanzali?
i gran fiori d'argento, ricamati
su la seta verdina dei canali?

l'azzurra tenda d'aria, distesa
dall'una all’altra cimasa,
la nuvoletta di perla, sospesa
sul tetto bruno dell’ultima casa?

e questo lungo respiro di vento
che porta nel chiuso l’immenso del mare,
tagliato dal volo violento
delle rondini stridule amare?
 
Le cose belle col loro sorriso
C'erano, sì, s’aprivano intorno;
ma solo quando è apparso il tuo viso
le ho viste, a un tratto, come al romper del giorno.

Come su l’alba, allora s’è desto
Il mondo - colore, letizia infinita -:
tu, con quel tuo sorridere mesto,
tu sola avevi riaccesa la vita.

.

Venezia è notoriamente la città più bella e affascinante del mondo, con i suoi canali, i suoi ponti, le sue calli e i suoi rii, con i mille giochi di riflessi che le acque della laguna intrecciano con le chiese e i palazzi, con le gondole e i lampioni, con i pali di attracco, con il volo dei gabbiani. Eppure, dice il poeta Diego Valeri (1887-1976), che a Venezia in Calle del Vento ebbe il suo buen retiro, tutta questa bellezza non esiste se non esiste l’amore: è il sorriso della donna amata a fare da scintilla a tutta quella meraviglia estetica.

.

Johnson

RICHARD S. JOHNSON, “VENICE AND ROSES”, PART.

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Tutta la città conosce lo scatto delle macchine fotografiche e il ronzio delle videocamere: segno che quasi ogni rio, calle, riva pedonabile a ridosso di un canale (fondamenta), campiello e ponte emana, irradia, trabocca bellezza.
TIZIANO SCARPA, Venezia è un pesce

1 commento:

Gizeta ha detto...

Bellissima!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...