mercoledì 1 ottobre 2014

Altre due poesie per ottobre

 

Due poesie che descrivono l’inquietudine di ottobre, magari non sul principio del mese, ma quando è già avanzato e annuncia con la caduta delle foglie l’arrivo dell’argentiere di nebbie novembre: quella malinconia inesplicabile è il tema dei versi di Ángel González  (1925-2008) e di Franco Fortini (1917-1994)

.

ÁNGEL GONZÁLEZ

A VOLTE, IN OTTOBRE, È QUELLO CHE AVVIENE

Quando non succede nulla,
e l’estate se ne è andata,
e le foglie cominciano a cadere dagli alberi,
e il freddo arrugginisce gli argini dei fiumi
e fa più lento il corso dell’acqua;

quando il cielo sembra un mare violento,
e gli uccelli cambiano paesaggio,
e le parole si sentono ogni volta più lontane,
come sussurri che il vento disperde;

allora,
si sa,
quello che avviene:

le foglie, gli uccelli, le nuvole,
le parole disperse e i fiumi,
ci riempiono di un’improvvisa inquietudine
e di pena.

Non cercatene il motivo nei vostri cuori.
È soltanto ciò che ho detto:
è quello che avviene.

(da Narices, buhitos, volcanes, 2000)

.

.

.

.

FRANCO FORTINI

CONGEDO

Piccola notte, è I’ora di lasciare
La lampada, e dormire.
Quali voci per le vie
A quest’ora? È I’ottobre
Dei carbonai, la nebbia.

Questo piccolo mondo ora non duole
Ed è buio e lontano
Coi suoi deboli treni.
È I’ora di lasciare
La lampada e guardare

Senza rimpianto il sonno.

1954

(da Poesia e errore, Feltrinelli, 1959)

.

.

FALL FOLIAGE

FOTOGRAFIA © PAT LITTLE / AP

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Ottobre volge in oro foglie d’acero; / Molte sono cadute, una indugia; / Presto scivolerà dal ramoscello / Soldo da dita di un avaro che muore.
THOMAS ALDRICH

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...