mercoledì 17 settembre 2014

La formula del fiore

 

MARINA CVETAEVA

I VERSI CRESCONO, COME LE STELLE

I versi crescono, come le stelle e come le rose,
come la bellezza - inutile in famiglia.
E, alle corone e alle apoteosi -
una sola risposta: «Di dove questo mi viene?»

Noi dormiamo, ed ecco, oltre le lastre di pietra,
il celeste ospite, in quattro petali.
Mondo, cerca di capire! Il poeta - nel sonno - scopre
la legge della stella e la formula del fiore.

14 agosto 1918

(da Poesie - Traduzione di Pietro Zveteremich)

.

Fare poesia - sosteneva Marina Cvetaeva (1892-1941) non è “allietare il lettore con begli echi delle parole”, ma una ricerca continua, un’operazione conoscitiva della realtà dove il ritmo e la rima sono un mero strumento. Eppure, questa ricerca non ha nulla di scientifico, anzi, si svolge misteriosamente, si manifesta attraverso i sogni, attraverso arcani meccanismi ignoti ai poeti, i quali interagiscono come i profeti con le divinità, e infine riescono a rivelare quella “verità” che la poesia sottintende, a conoscere “la legge della stella e la formula del fiore”.

.

Huppertz

RACHEL HUPPERTZ, “ABSTRACT FLOWER”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Io sono una pagina per la tua penna. / Tutto ricevo. Sono una pagina bianca.
MARINA CVETAEVA, Poesie

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...