mercoledì 20 agosto 2014

Una stella arrugginita

 

GHIANNIS RITSOS

QUANDO

Quando si spegne il tramonto e si accende dentro di noi la vecchia lampada
e tutte le voci mutano dall’ira alla tristezza
e dal sobborgo se ne vanno i fruttivendoli ambulanti,
gli arrotini, le erbivendole, gli ombrellai, allora
dal pozzo della corte escono le lumache
in doppia fila, e sopra i pubblici orinatoi
resta il cielo di un blu profondo, completamente immobile,
inchiodato solo da una stella arrugginita.

(da Molto tardi nella notte, 1991 - Traduzione di Nicola Crocetti)

.

“Come fanno gli uomini a vivere senza la poesia?” è la domanda stupita che il poeta greco Ghiannis Ritsos (1909-1990) si pone in Pomeridiano. Come fanno? Lui non può e, ormai conscio di essere nell’ultima stagione della vita, continua a macinare versi che colgono la bellezza anche nelle piccole cose, a stendere le sue immagini còlte con meraviglia, trasformando come in questo caso il paesaggio di un borgo di provincia in pura emozione, in una cartolina della memoria e della nostalgia, in uno di quei quadretti di cartone che si trovano talvolta nei mercatini. E quella sera che cade, spentisi i colori del tramonto, è come il fischio di addio di una nave.

.

Van Gogh_Starry Night on the Rhone_1888_Musee D'Orsay_Paris_BIG

VINCENT VAN GOGH, “NOTTE STELLATA SUL RODANO”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Di notte si sente l’eco dei grandi giorni gloriosi.
GHIANNIS RITSOS, Molto tardi nella notte

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...