sabato 9 agosto 2014

Tutti i giorni

 

ALEXIS DÍAZ PIMIENTAimagen-alexis-diaz-pimienta

BALLO IN MASCHERA, V

(CARPE DIEM)

Tutti i giorni alla stessa ora
alcuni si vestono, altri si spogliano,
alcuni dicono addio, altri ciao,
qualcuno ride allegro, qualcuno piange.
Tutti i giorni alla stessa ora
alcuni affermano di essere quello che altri dubitano,
alcuni si stabiliscono in un posto, altri traslocano,
qualcuno dice “dopo” e qualcuno “adesso”.
Ogni giorno, nello stesso preciso istante,
qualcuno legge una poesia, qualcuno la scrive,
qualcuno arriva, qualcuno parte,
qualcuno dà un bacio, qualcuno lo riceve,
qualcuno muore, qualcuno nasce… però
tutti i giorni Ieri si prescrive.

(da Fiesta de disfraces, 2008)

.

L’attimo fuggente, lo scorrere del tempo è un tema sempre caro ai poeti: il cubano Alexis Díaz Pimienta (L’Avana, 1966) medita sul carpe diem oraziano – non a caso citato come sottotitolo – in un lungo poema in cui teorizza che la vita è un ballo in maschera dove le maschere sono però confuse e per di più alterate da falsi specchi. Ma viviamo immersi in un eterno presente – dice - nel quale agiamo la vita, andando, partendo, compiendo e subendo, ridendo e piangendo. E sappiamo che fortunatamente ogni giorno alla fine se ne va e che domani tutto ricomincia.

.

jack_vettriano-wallpaper-009-800

DIPINTO DI JACK VETTRIANO

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Non pensiamo quasi per niente al presente, e se ci pensiamo è solo in funzione di predisporre il futuro. Il presente non costituisce mai il nostro fine. Passato e presente sono mezzi, solo l'avvenire è il nostro fine. Così non viviamo mai, ma speriamo di vivere, e preparandoci sempre a essere felici è inevitabile che non lo siamo mai.
BLAISE PASCAL, Pensieri

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...