venerdì 22 agosto 2014

Acqua e fuoco

 

MARÍA CLARA GONZÁLEZMARÍA CLARA GONZÁLEZ

NELLA STAGIONE DEL SOGNO

Abbiamo dimenticato i nostri nomi
e i nostri pronomi si confondono
e si intrecciano…
                                  Octavio Paz

La tua pioviggine e la mia nebbia
La tua allegria e i miei occhi
I tuoi occhi e il mio ventre
Le mie mani e il tuo corpo

In questa stagione di un solo sogno
Mio dono di acqua trasparente

Tu fuoco
spirale nelle mie viscere

(da Pasajeros del viento, 1996)

.

A originare questa poesia di María Clara González (Bogotá, 1952), poetessa colombiana, sono chiaramente i tre versi di Octavio Paz posti in epigrafe: nell’amore, nell’eros i nomi e i pronomi si confondono, così l’Io e il Tu si intrecciano per dare vita a un Noi in cui sono ormai indistinguibili e ognuno apporta la sua parte donando e ricevendo.

.

Karkabi

DIPINTO DI IRINA VITALIEVNA KARKABI

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Non il semplice incontro di due corpi, ma l'incontro di due anime. E questo è l'amore. L'amore può contenere in sé il sesso. Il sesso non può inglobare in sé l'amore.
OSHO RAJNEESH

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...