martedì 29 luglio 2014

Come si scatena il vento

 

ÁNGEL GONZÁLEZ

QUESTE POESIE

Queste poesie le hai scatenate tu,
come si scatena il vento,
senza sapere da dove né perché.
Sono doni del caso o del destino,
che talora
la solitudine fa mulinare o spazza via;
null’altro che parole che si incontrano,
che si attraggono e si uniscono
irrimediabilmente,
e fanno un suono melodioso o triste,
lo stesso di due corpi che si amano.

.

Ángel González (1925-2008), poeta spagnolo, attribuisce alla sua Musa personale – la donna della sua vita – l’ispirazione delle poesie che scrive. Un vortice di parole che nasce così, all’improvviso, così come si origina il vento senza un motivo preciso. E queste parole che volteggiano nell’aria, nel nulla, come particelle di ferro attratte da una calamita si uniscono, si mischiano fino a dare vita alla poesia, che ha il suono dolce e triste dell’amore.

.

Kush

VLADIMIR KUSH, “VENTO”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Scrivere una poesia, riempire di acqua un otre.

ÁNGEL GONZÁLEZ, Muestra de… algunos procedimientos narrativos

3 commenti:

Paolo ha detto...

Mi pare una interpretazione riduttiva di un bel rapporto d'amore. La sua Musa avrà finito per mandarlo ad pisces....

Vania ha detto...

...al contrario di Paolo..trovo questa poesia congeniale alla "vita dell'uomo/donna che ama".:)

...da perfetta cretina innamorata dell'amore ..forse..;)

ciaoo Vania:)

DR ha detto...

be', si vede che Ángel voleva lanciare un messaggio alla sua Musa

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...