domenica 18 maggio 2014

Un disguido della mia ombra

 

JORGE MERETTAmeretta_1_baja

LA CASA È DISORDINATA

La casa è disordinata.
Tutto gettato sulla tavola
Tutto lanciato sulle parole
Contro le pareti
Fluttuando nella bava delle ragnatele.
La casa è risolta
Abbandonandosi
Come un passero che vola per le sue ossa
E si posa.
Niente saprà che qui
La vita fu un disguido della mia ombra.

(da Ávese, 2003)

.

La poesia dell’uruguaiano Jorge Meretta (Montevideo, 1940) scava certezze e inquietudini, coniuga passato e presente. La casa si trasforma dunque in metafora: è l’espressione dello stato d’animo del poeta, il sintomo dei suoi vuoti e dei suoi rimorsi, dei rimpianti e delle illusioni.

.

Cobweb

FOTOGRAFIA © FERNANDO GREGORY

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
La casa è il vostro corpo più grande. Vive nel sole e si addormenta nella quiete della notte; e non è senza sogni.
KAHLIL GIBRAN, Il Profeta

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...