martedì 20 maggio 2014

La cornetta che sostengo

 

OSKAR PASTIORPastior

TELEFONATA

Mi hai chiamato
da una regione lontana.
Quando creammo il miracolo,
era tempo di nostalgia.
E con la tua bocca
hai sfiorato le valli
e i boschi fin nel profondo.

Chiarissima, vicino alla mia mente
è sgorgata una fonte
e mi ha fatto vibrare.
Quanto ti sono vicino.
Mi hai affidato
tutta la tua parola sommessa
e sei rimasta laggiù.

La cornetta che sostengo
fino a farmi male
risuona come la casa, fredda,
in cui vado origliando.
Pur attraverso l'ampia distesa
anche senza la tua mano
ti ho capito perfettamente.

(da Parole chiare, 1964 - Traduzione di Gio Batta Bucciol)

.

La lontananza non è più un problema come poteva esserlo nei secoli scorsi: tutta la letteratura epistolare non avrebbe avuto modo di esistere se il telefono e li social network fossero stati inventati molto tempo prima. Così, se può mancare la presenza fisica dell’amata o dell’amato, il suo essere è invece ben presente con la voce o il pensiero o addirittura con l’immagine stessa. Ed è quello che sottolinea il poeta tedesco di origini rumene Oskar Pastior (1927-2006), unico rappresentante della Germania nell’Oulipo, il gruppo di “letteratura potenziale” di cui fecero parte Perec, Queneau e Calvino.

.

Vettriano

JACK VETTRIANO, “HER SECRET LIFE”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Come sarebbe stata diversa la storia di Romeo e Giulietta se avessero avuto un telefono!
ISABEL ALLENDE, Il mio paese inventato

2 commenti:

Vania ha detto...

..la frase del giorno...:)

..la poesia deliziosa.

ciaoo vania:)

DR ha detto...

il telefono avvicina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...