martedì 15 aprile 2014

Il filo dell’amore

 

ROBERTO JUARROZ

SECONDA POESIA VERTICALE, 67

Un filo più sottile del pensiero,
un filo senza alcuno spessore,
unisce i nostri occhi quando non ci guardiamo.

Quando ci guardiamo
ci uniscono tutti i fili del mondo,
ma manca questo,
che solo dà ombra
alla luce più segreta dell’amore.

Dopo che ce ne andiamo,
forse resta questo filo
a unire i nostri posti vuoti.

(da Seconda poesia verticale, 1963)

.

Un filo che ci lega, un filo invisibile che connette le nostre anime, che comunica tra i nostri corpi: spirito, emozione, sentimento. Ecco cos’è l’amore – dice il poeta argentino Roberto Juarroz (1925-1995) - un legame sottile e profondo che sa esistere anche senza di noi. Quel filo che, secondo una leggenda orientale, unisce quanti sono destinati a incontrarsi, nonostante il tempo, i luoghi e le circostanze: si aggroviglia, si tende, si annoda, ma non si spezzerà mai.

filo rosso

FOTOGRAFIA © FACEBOOK

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
L'amore è un capriccioso soffio che Eros invia tra gli uomini per ingarbugliar le matasse dei loro destini.
NINO SALVANESCHI, Il tormento di Chopin

4 commenti:

Rosanna Bazzano ha detto...

Io sono daccordo! Credo a quel filo…
Ciao! :)

DR ha detto...

Il filo rosso dell’amore, la metà platonica... ci credo anch’io

Paolo ha detto...

Belli i versi e intrigante il concetto. Fosse l'assenza il vero motore?

DR ha detto...

L'assenza, la lontananza, certo: ogni cosa è più intensa allora

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...