giovedì 10 aprile 2014

Cupole a mandrie

 

IOSIF BRODSKIJ

STROFE VENEZIANE, 2, III

La luce vi disserra l’occhio come conchiglia; e le conchiglie
degli orecchi vi inonda lo scampanìo dei campanili.
All’abbeveratoio vanno a bere il bagliore della riva
cupole a mandrie.
Dalle imposte spalancate vi battono nelle nari
stracci gualciti, caffè forte, orzo.
Affonda in gola al drago di un San Giorgio d’oro
la picca, come nell’inchiostro
.

(da Poesie italiane, 1996 - Traduzione di Giovanni Buttafava e Serena Vitale)

.

Dopo una “notte moltiplicata dal mare per due”, Venezia si risveglia. E al poeta russo Iosif Brodskij (1940-1996) la città scelta come luogo del cuore, come forma perfetta per la sua anima, rivela come ogni mattina la sua bellezza, il suo splendore che non è solo estetico, ma è anche quello degli infiniti riflessi e bagliori che il sole strappa alla laguna, alle cupole delle cento chiese che suonano all’unisono.

.

Venezia

FOTOGRAFIA © TRIPSWITHTOTS

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Venezia! Esiste un nome nelle lingue umane che abbia fatto sognare più di questo?
GUY DE MAUPASSANT, Gil Blas, 5 maggio 1885

2 commenti:

Vania ha detto...

..parole che s'intrecciano e formano magie...come lo è la foto ...magica:)

ciaoo Vania:)

DR ha detto...

la magia di Venezia, come sai bene, è unica

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...