martedì 29 aprile 2014

Come divino fiore di luce

 

RUBÉN DARÍOruben dario

FIORE DI LUCE

Apparve la mia anima come dalla corolla
d’un iris. Essa sapeva d’essere nuda e sola.
Sola, come nell'acqua o nel vento. Leggera,
trasparente, sottile, meravigliosa. Era
come divino fiore di luce o divino
uccello che nell’aria è appena nato.
Non sapeva né udire né vedere né comprendere,
e neppure sapeva dove andava,
né quel che era materia quaggiù né lassù.

(Traduzione di Oreste Macrì)

.

Il poeta nicaraguense Rubén Darío (1867-1916), caposcuola del Modernismo ispano-americano, rivela qui il suo riconosciuto debito con i parnassiani e con Verlaine, nella descrizione del momento in cui l’anima si rivela: un desiderio di armonia nell’inarmonico, l’espressione dell’inesprimibile etereo. È uno dei fini cui tende il Modernismo, assimilabile all’europea Art Nouveau: un’ansia di perfezione.

.

iris-1

CAROL CARTER, “BIG BLUE”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Ama il tuo ritmo e ritma le tue azioni / secondo la sua legge, e insieme i versi; / tu sei un universo di universi / e, nell'anima, fonte di canzoni.
RUBÉN DARÍO

2 commenti:

Vania ha detto...

..inattesa sorpresa.

e ho fatto pure rima:)
ciaoo Vania:)

DR ha detto...

:-)

la sorpresa inattesa è ancora più sorpresa

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...