venerdì 21 febbraio 2014

Sul pentagramma di febbraio

 

ANTONIO MACHADO

GALLERIE, I

Nell’azzurro lo stormo
di alcuni uccelli neri
che strillano aleggiando e poi si posano
sul pioppo irrigidito.
...Sul pioppo spoglio,
serie cornacchie quiete e taciturne,
gelide, nere note
scritte sul pentagramma di febbraio.

(da Poesia spagnola del ’900 - Traduzione di Oreste Macrì)

.

Il sentire del poeta e il freddo delle cose, secondo Antonio Machado (1875-1939), trovano il loro equilibrio nei versi, molte volte attraversati dal ritmo delle canzoni popolari. Anche questo bozzetto malinconico incarna quella sua poetica, che ospita spesso alberi, campi e paesaggi: naturalmente il vero colpo di maestro è l’immagine finale, l’analogia che fa di un albero spoglio un rigo musicale e delle cornacchie una serie di note. È il canto del poeta che si interroga: “La terra è nuda, ulula / l’anima sull’orizzonte pallido / come lupa famelica. Che cerchi, / poeta, nel tramonto?”

.

birds-in-a-tree

FOTOGRAFIA © GEORGE HADAN

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
La poesia pura, di cui sento parlare critici e poeti, potrà esistere, ma io non la conosco.
ANTONIO MACHADO

2 commenti:

Vania ha detto...

intensa metafora/analogia..che solo lo "saper scrutare" coglie.

ciaoo Vania:)

DR ha detto...

il dono di essere poeta...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...