mercoledì 5 febbraio 2014

Come la macchia del sangue

 

JUAN RAMÓN JIMÉNEZ

SÌ. SEI CON ME!

Sì. Sei con me! E il peso
della tua anima e della tua carne
sulla mia, fa sì che
io non possa inseguire la tua immagine
- quei prati di roseti
scarlatti, là dove prima fuggivi,
di dove, soave, mi venisti incontro! –;
quell’immagine tua che non dimentico,
quell’immagine tua che non intendo,
quell’immagine tua che dura e dura
come la macchia del sangue…

(da Eternità, 1918, Traduzione di Franco Tentori Montorio)

.

Amore eterno, amore totale: è quello che legò il poeta spagnolo Juan Ramón Jiménez (1881-1958) a Zenobia, per esempio: lui la rincorse fino in America, dove era destinata a un ricco matrimonio, e riuscì a sposarla. Lei gli rimase accanto fino al giorno in cui morì, tre giorni dopo la notizia del conferimento al marito del Premio Nobel per la Letteratura. Lui non si riprenderà da quell’immenso dolore e le sopravvivrà soltanto un anno e mezzo. Amore eterno, amore totale: è quello cui tutti aspiriamo, fingendo forse di ignorare che la vita ci pone davanti a bivi e scelte, che ci cosparge il percorso di ostacoli. Imperterriti, sogniamo quell’amore eterno, quello che nulla può cancellare e resta impresso nella nostra anima come un’indelebile macchia di sangue.

.

36376

IMMAGINE © FREE HD WALLPAPERS

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
È stato giustamente osservato che la follia dell'amore è di credersi eterno.
JOSEPH JOUBERT, Pensieri

3 commenti:

Vania ha detto...

..sperare/sottendere alle "cose "migliori..
dovrebbe essere un comandamento di vita...
...anche in amore.


...la poesia E'.
ciaoo Vania:)

DR ha detto...

lo è, Vania

Greta ha detto...

Bellissima. I poeti spagnoli hanno un modo particolarissimo per parlare d'amore e lo fanno benissimo...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...