venerdì 10 gennaio 2014

Vivo per tenerti in me

 

LŐRINC SZABÓ220px-Rippl-szabo

SOLITUDINE

Sono così felice, ardentemente,
d'amarti anche così, col mio dolore,
e vivo solo per tenerti in me
e non debbo evocarti per sentire
che sei qui: tu con gli occhi sognanti
e angosciati a osservare
questo destino che mi conduce
e mentre vecchi paesi s'accendono
e gli anni, penso che anche tu t'accendi,
tu che la trovi al fondo del tuo cuore
la mia tenerezza dolente.

Ora è il dolore la felicità,
ed è questo ad unirci; e più ancora
(e mai tanto così completamente!)
quando un sorriso un po' ironico passa
sulla dolcezza del tuo viso, e a me,
forse per pungermi, dici
(ma piena di fiducia e comprensiva):
"Mi ameresti così
se fossi ancora viva?"

(da Föld, erdő, Isten, 1922)

.

L’assenza dell’amata è la protagonista di questi versi del poeta ungherese Lőrinc Szabó (1900-1957): l’amore però non è morto, continua a vivere ed è struggente il miracolo che compie, quello di trasformare il dolore in felicità, la mancanza dell’amata in tenerezza. Fa pensare questa poesia: fa pensare alle cose che abbiamo e che non consideriamo, alle parole che dovremmo dire e non diciamo, a tutte le volte che non pronunciamo un «Ti amo».

.

SONY DSC

FOTOGRAFIA © GOOD-WALLPAPERS

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
L'assenza genera una solitudine che a nessuno si può imporre di comprendere.

TORBEN GULDBERG, Tesi sull’esistenza dell’amore

3 commenti:

Rosanna Bazzano ha detto...

oggi mi appartiene in parte… un saluto, Rosanna

DR ha detto...

credo che ognuno abbia qualcuno che tiene in sé

Tra cenere e terra ha detto...

Poesia e foto...stupende

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...