domenica 17 novembre 2013

Un’infinità di fiori

 

GHIANNIS RITSOS

PAROLA CARNALE, 2

Sei tornata ridendo dal mercato, carica
di pane, frutta e un’infinità di fiori. Sui tuoi capelli, vedo,
ha passato le dita il vento. Non lo amo il vento;
te lo ripeto. E poi, che te ne fai di tanti fiori? Quali fra tutti,
tra l’altro, ti regalò il fiorista? E magari nello specchio
del suo negozio è rimasta la tua immagine illuminata di lato
con una macchia blu sul mento. Non li amo i fiori. Sul tuo seno
un fiore grande quanto un giorno intero. Siedi dunque di fronte a me;
voglio guardare solo come pieghi il ginocchio, e star lì a fumare
finché cada la notte misteriosa e s’alzi magnetica sul nostro letto
una luna popolare da sabato sera, col violino, il salterio e un clarinetto.

(da Erotica, Crocetti, 1981 – Traduzione di Nicola Crocetti)

.

L’amore, per il poeta greco Ghiannis Ritsos (1908-1990), è il mezzo con cui due esseri comunicano tra di loro e con il mondo; è la chiave che consente di superare la finitudine e cogliere il senso del reale. L’amore in tutte le sue declinazioni: che sia eros o puro amore, che sia gelosia come nella prima parte di questa poesia o condivisione festosa come nella seconda.

.

girl-with-a-bouquet.jpg!Blog

KONSTANTIN MAKOVSKY, “RAGAZZA CON MAZZO DI FIORI”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
La gelosia è un abbaiare di cani che attira i ladri.
KARL KRAUS, Detti e contraddetti

4 commenti:

Rosanna Bazzano ha detto...

Il mio adorato Ritsos… La rubo per un futuro… :) Un sorriso

attimiespazi ha detto...

Stupendo Post !!

-Liolucy

DR ha detto...

Grazie. Ritsos aiuta...

Paolo ha detto...

Eh, bravo. E sull'amore ha ragione; che saremmo, che potremmo essere, senza?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...