giovedì 14 novembre 2013

Sempre straniero

 

GIUSEPPE UNGARETTIgiuseppe-ungaretti

GIROVAGO

Campo di Mailly, maggio 1918

In nessuna
parte
di terra
mi posso
accasare

A ogni
nuovo
clima
che incontro
mi trovo
languente
che
una volta
già gli ero stato
assuefatto.

E me ne stacco sempre
straniero

Nascendo
tornato da epoche troppo
vissute

Godere un solo
minuto di vita
iniziale

Cerco un paese
innocente

(da L’Allegria, 1931)

.

Nel maggio del 1918, durante la Prima guerra mondiale, il reggimento di cui fa parte Giuseppe Ungaretti (1888-1970), è trasferito in Francia. E il poeta si trova spaesato, ha “la coscienza di non appartenere a un particolare luogo o tempo” con la consapevolezza che quello che va cercando è uno stato di innocenza impossibile, in quanto non ne potrà trovare traccia né negli altri uomini né in un luogo della Terra. Girovago è dunque ogni essere umano, nomade e naufrago, sballottato qua e là da quell’ansia di un’innocenza che poteva esistere solo prima del peccato, solo prima di Caino e della cacciata dall’Eden.

.

wanderer

CASPAR DAVID FRIEDRICH, “DER WANDERER ÜBER DEM NEBELMEER”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
L’uomo, monotono universo /  Crede allargarsi i beni / E dalle sue mani febbrili / Non escono senza fine che limiti.
GIUSEPPE UNGARETTI, Sentimento del tempo

2 commenti:

Vania ha detto...

...cuor e ragione di pari passo.

ciaoo Vania:)

DR ha detto...

l'impossibile ricerca dell'innocenza

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...