mercoledì 13 novembre 2013

L’eco dell’alba

 

LEONARDO SINISGALLILeonardo_Sinisgalli

INTATTA ALBA TI AVVICINI

Intatta alba ti avvicini
Sulle sabbie prudenti,
Né ti minaccia la violenza dei frutti
Che la luce ti porta in ostaggio.
Sul greto ritrovi giaciture
Solenni ai tuoi riposi
E se l'acqua si tace la veglia
Ne è folta e la sete ubbidiente.
Ora scoppia nel cuore della terra
Il grano appena seminato:
Cadono le ultime allodole sui nostri passi
Sventate ai confini della pianura.
Eccomi a guardare il passaggio
Delle gru verso la marina;
Un tempo erano questi gli annunci
Alla mia rapìta felicità.
La poca luce di quest'ora
Ha la calma d'una voce.
Devo pensare alte le tue mani
Sorprese a farmi cielo.
Ogni tuo gesto lontano
Fa crollare il chiarore
Che sopra di te come su questi olmi
La memoria aveva edificato.
Tutela la veglia sorda
Delle foglie il sonno
Sopra questa ripa di sassi
Che la tua eco tiene in assedio.

(da 18 poesie, Scheiwiller, 1936)

.

La poesia di Leonardo Sinisgalli (1908-1981) attinge spesso alla memoria della natia Lucania, da “esule” al nord per lavoro. E viene rivitalizzata dai ritorni nella casa del padre contadino a Montemurro: rinascono le antiche sensazioni, si risvegliano sapori ed emozioni - come il passaggio degli stormi di gru diretti verso il mare o l’odore della terra arata e seminata di fresco - fioriti nello sbocciare di un’alba senza tempo.

.

Dawn_Sky

KEN BUSHE, “DAWN SKY”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Basterà il filo bianco dell'aurora a separarci dalla notte?
MARGARET MAZZANTINI, Venuto al mondo

2 commenti:

Vania ha detto...

..scandito il tempo in emozioni.

ciaoo Vania:)

DR ha detto...

anch'io lascio che il giorno scandisca le sue emozioni: albe, tramonti, meraviglie varie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...