mercoledì 9 ottobre 2013

Ti basta un’illusione

 

GIUSEPPE UNGARETTIUngaretti

PELLEGRINAGGIO

Valloncello dell’Albero isolato il 16 agosto 1916

In agguato
in queste budella
di macerie
ore e ore
ho strascicato
la mia carcassa
usata dal fango
come una suola
o come un seme
di spinalba

Ungaretti
uomo di pena
ti basta un'illusione
per farti coraggio

Un riflettore
di là
mette un mare
nella nebbia

(da L’Allegria, 1919)

.

Ho sempre amato questa poesia di Giuseppe Ungaretti (1888-1970) per quell’autoritratto che il poeta vi ha incastonato: “Ungaretti / uomo di pena / ti basta un’illusione / per farti coraggio”. Questo è il pellegrinaggio del titolo: attraversare la vita, attraversare le trincee fangose della guerra e quelle figurate che si ritrovano anche nei giorni di pace, per ritrovare se stessi e la propria identità, con la forza del seme di biancospino capace di fiorire, con il coraggio di seguire un’illusione come “le allodole assetate sul miraggio” piuttosto che di “vivere di lamento come un cardellino accecato”.

.

17967

FOTOGRAFIA © RAI

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Oggi il poeta è tornato a sapere, ad avere gli occhi per vedere, e, deliberatamente, vede e vuole vedere l’invisibile nel visibile.

GIUSEPPE UNGARETTI, Ragioni di una poesia

2 commenti:

Vania ha detto...

...un bel "agguato".
....dovrebbe essere sempre in agguato la speranza in certe/alcune situazioni.

ciaoo Vania:)

DR ha detto...

ho sempre cercato anch'io il coraggio di vivere... non concepisco la sfiducia

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...