domenica 13 ottobre 2013

Come un fiore nel bicchiere

 

GHIANNIS RITSOS

RITORNO

Potessero ritornare quei tempi - dice -
quando le cose belle erano in eccesso
e credibili - come un fiore nel bicchiere,
come due innamorati sulla panchina del giardino
o i passeri con le code impertinenti.
E appena cominciava a piovere, tre angeli con gli ombrelli rosa
stavano fuori dalla tua finestra e ti sussurravano
la poesia che avresti scritto sulla metrica della pioggerellina.

(da Molto tardi nella notte, 1991 – Traduzione di Nicola Crocetti)

.

«Disse: Credo nella poesia, nell’amore, nella morte, / perciò credo nell’immortalità. Scrivo un verso, / scrivo il mondo; esisto; esiste il mondo. / Dall’estremità del mio mignolo scorre un fiume. / Il cielo è sette volte azzurro. Questa purezza/ è di nuovo la prima verità, il mio ultimo desiderio»: così dice il funambolo di Ghiannis Ritsos (1909-1990). La vita è poesia e la poesia è vita: ancora di più ne è convinto il Ritsos di questi versi scritti sul limitare dei suoi giorni, con una sottile vena di rimpianto per quella bellezza che fu, per quella rivelazione che è la poesia stessa.

.

293616

MANDY DISHER, “DAISY DUO”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Poesia: il luogo dove incontro ciò che non è nella memoria ma sorge da una specie di istinto, sotterraneo, creativo. Riconoscimento di qualcosa che non so di sapere; qualcosa che so mentre scrivo, quando una poesia comincia a prender forma, ad asserire una realtà, sorprendente ma stranamente familiare.
MARTHA COOLEY, L’archivista

2 commenti:

Federica ha detto...

Speriamo tornino i bei tempi... .
Bellissima e piena di speranza questa poesia.
Buona giornata, Federica

DR ha detto...

Ciao, Federica.

La poesia è speranza...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...