mercoledì 28 agosto 2013

Un pino distorto

 

SALVATORE QUASIMODO

RIFUGIO D'UCCELLI NOTTURNI

In alto c'è un pino distorto;
sta intento ed ascolta l'abisso
col fusto piegato a balestra.

Rifugio d’uccelli notturni,
nell’ora più alta risuona
d’un battere d’ali veloce.

Ha pure un suo nido il mio cuore
sospeso nel buio, una voce;
sta pure in ascolto, la notte.

(da Acque e terre, 1930)


Un pino a ridosso di una scogliera, piegato ad arco sull’abisso come se si affacciasse per ascoltare qualcosa, per cogliere una voce che chiama. È la casa di disparati uccelli che hanno costruito il nido tra i suoi rami. E a Salvatore Quasimodo (1901-1968), poeta che ama cogliere sentimenti esistenzialisti nel paesaggio, quel pino tutto storto evoca il suo cuore, pieno di voci e di ricordi, quando la notte non prende sonno e resta in silenzio ad ascoltare...

.

a-single-tree-on-cliff

FOTOGRAFIA © GODLY GENTLEMAN

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Sono memoria / d’ogni mia ora terrena, / angelo biancospino.
SALVATORE QUASIMODO, Ed è subito sera

2 commenti:

Vania ha detto...

...minuti non persi...ma regalateci in poesia :)

ciaoo Vania:)

DR ha detto...

è la sensibilità poetica di Quasimodo

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...