venerdì 14 giugno 2013

Se ci fosse il mare

 

GIORGIO CAPRONI

ALBARO

Se al crepuscolo, almeno,
ci fosse, dietro i vetri, il mare…
Amore…
Tremore
in trasparenza…
Se almeno
questo fosse il rumore
del mare…
Non
lo sopporto più il rumore
della storia…
Vento
afono…
Glissando…
Sparire
come il giorno che muore
dietro i vetri…
Il mare…
Il mare in luogo della storia…
Oh, amore.

(da Il franco cacciatore, Garzanti, 1982)

.

“Non lo sopporto più il rumore della storia”: se Giorgio Caproni (1912-1990) lo diceva nel 1982, a maggior ragione adesso, in questi tempi grami di crisi economica ed esistenziale, in cui la politica si trasforma in un vuoto esercizio di insulti e di sotterfugi, lo possiamo dire tutti quanti. E, come Caproni, sognare la tranquillità del mare al crepuscolo, la sua bellezza dolcissima e malinconica come un anestetico contro le brutture del mondo che ci piove in casa attraverso i telegiornali e le notizie mediate da Internet.

.

60655

PAM CARTER, “RED CUILLIN”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Di fronte al mare la felicità è un'idea semplice.
JEAN-CLAUDE IZZO, Chourmo

2 commenti:

Vania ha detto...

..mi piace questo modo di scrivere così "sintetico"...puntuale...come i comandi di una nave.

ciaoo Vania:)

DR ha detto...

lo stile di Caproni è spesso asciutto, sintetico

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...