mercoledì 22 maggio 2013

Una purpurea rosa

 

SIBILLA ALERAMOsibilla-Aleramo

SILENZIO, TEPORE...

C’è silenzio, e tepore,
in questa romita stanza ov'’io ti attendo,
e una purpurea rosa,
già stanca, sul ciglio di languire,
anch’essa ansiosa del tuo bruno sguardo,
così tenera è l’ora
ch’io mi trasmuto in taciturna grazia,
mite rosa,
tepore sulle tue palpebre, carezza d’amore.

(da Selva d’amore, Mondadori, 1947)

.

L’attesa dell’amato si trasforma in questi versi di Sibilla Aleramo (1875-1960)  in un dolce e sensuale languore. E non è solo l’immagine della rosa sul punto di sfiorire a dare a tutta la lirica quel senso di estetismo tipico dei decenni a cavallo tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento…

.

105400

RAYMOND LEECH, “ONLY A DREAM AWAY”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
L'attesa del piacere è essa stessa piacere
.
GOTTHOLD EPHRAIM LESSING, Minna von Barnhelm

2 commenti:

Vania ha detto...

..scorrevole e intensa la poesia..mi è venuto in mente il fiore che stava per morire nel film di Walt Disney in la Bella e la Bestia.

ciaoo Vania:)

DR ha detto...

il film non l'ho visto. Il fiore che si sfa è certo simbolo di languore

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...