venerdì 17 maggio 2013

Un pianto d’iridate parole

 

FRANCESCO PASTONCHIPastonchi

L’ARTE

«Perché piango? Non so.
Io sono in me a giràndola:
basta un soffio. Noi donne è come un estro
che ci prende di piangere:
piangere, giù, e poi salire altezze
di gioia ch’è vertigine.
Voi non piangete? E ve ne date vanto?
Ma che è poesia se non un pianto
d'iridate parole?
Canta cuore che duole.
Ah, un giorno imparerò
anch’io quest’arte, in cui siete maestro,
di celate tristezze:
piangerò dentro, e forse ne morrò».

(da Versetti, Mondadori, 1931)

.

Francesco Pastonchi (1877-1953), poeta ligure, non fu molto apprezzato dai critici del suo tempo, anche per la varietà del suo stile, indeciso tra decadentismo e D'Annunzio, tra Parnasso e alessandrini. In questi versi apprezzabile è lo stratagemma di far parlare una donna - con qualche stereotipo - per esprimere la sua concezione di poesia. Pastonchi la pensa come William Wordsworth, e dunque la poesia è il traboccare di forti sentimenti: il dolore, la passione, l’emozione sono come un pianto che rende visibile al mondo l'intimo tormento.

.

301399

CLAUDE MONET, “MÉDITATION, MADAME MONET AU CANAPÉ”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Il poeta è un fingitore. / Finge così completamente / che arriva a fingere che è dolore / il dolore che davvero sente
.
FERNANDO PESSOA, Il poeta è un fingitore

2 commenti:

Vania ha detto...

..la sento molto calorosa...molto melodiosa.

ciaoo Vania :)

DR ha detto...

un uomo che interpreta il pensiero di una donna che interpreta il pensiero di un uomo...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...