martedì 14 maggio 2013

Eravamo un labirinto

 

KIKUO TAKANOkikuo takano

A TE (IV)

Mai ci siamo abbracciati, perché
eravamo per noi stessi un labirinto:
io non sapevo che fare accanto a te,
tu pure accanto a me eri smarrita
e non potevi andare avanti o indietro,
piangevi sommessa e io
ero più scontento di prima.
Da allora son passati dieci anni.
Resistendo a ogni cosa che passa
- al sogno, al tempo e all'ira - mi trovo
ancora dove mi son perso allora.

(da Scarsità d'amore, 1961 - Trad. Yakuto Matsumoto e Paolo Lagazzi)

.

Capita che la vita ci collochi in un labirinto dal quale non siamo in grado di uscire: continuiamo a sbattere contro gli stessi muri, a ripercorrere le stesse strade senza trovare la via d'uscita. Oppure restiamo fermi a lungo incapaci di proseguire. Ed è un labirinto che molto spesso siamo proprio noi a creare, come questo amore nelle cui pastoie è prigioniero il poeta giapponese Kikuo Takano (1927-2006): un amore in cui l'uomo e la donna sono "come due specchi / di fronte l'uno all'altro" che riflettono soltanto il vuoto tra i due.

.

Boytakingarest

SIMON PAIS, “BPY TAKING A REST”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Il voler bene non si compra, non si vende, non si impone con il coltello alla gola, né si può evitare: il voler bene succede
.
JORGE AMADO, Teresa Batista stanca di guerra

2 commenti:

Vania ha detto...

la poesia mi piaciucchia...ma la foto la trovo ORRIBILE...artistica ma orribile..sorry :(
ciaoo Vania:)

DR ha detto...

allora ha colpito nel segno, la foto: voleva appunto risultare squallida come il vuoto che permea la poesia

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...