sabato 9 marzo 2013

Città vuota

 

SANDRO PENNApenna

ERA LA MIA CITTÀ, LA CITTÀ VUOTA

Era la mia città, la città vuota
all'alba, piena di un mio desiderio.
Ma il mio canto d'amore, il mio più vero
era per gli altri una canzone ignota.

(da Poesie inedite 1938-1955, in Poesie, Garzanti, 1993)

.

Una città. Anzi la città praticamente deserta dell’alba. È lì che Sandro Penna (1906-1977) vive la sua poesia, la sua contemplazione della bellezza, il suo amore omoerotico quasi alessandrino. Ma resta – teniamo presente il tempo in cui visse il poeta perugino – una scelta appartata, nascosta, di osservazione. E il suo canto rimane isolato, è quello di un uomo che tace, la cui voce rimane sconosciuta mentre in un’alba livida si abbandona “all’amore di quei visi”: come notava Cesare Garboli “La poesia di Penna è fatta di solitudine: ma è la solitudine ardente, ricchissima, vasta come è vasta la promessa della felicità, di chi non ha bisogno d'altro, per vivere, che dello spettacolo della vita”.

.

MarioSironi_paesaggiourbano

MARIO SIRONI, PAESAGGIO URBANO CON CAMION”, 1922

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Felice chi è diverso / essendo egli diverso. / Ma guai a chi è diverso / essendo egli comune
.
SANDRO PENNA, Poesie

2 commenti:

Vania ha detto...

..tanto intensa..."scavata"..e messa in superficie/leggibile.

ciao Vania

Pierluigi ha detto...

o ardente solitudine mia

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...