sabato 2 febbraio 2013

Vivere, amare, dimenticare

 

ROBERTO JUARROZjuarroz

TREDICESIMA POESIA VERTICALE, 55

Talvolta dimentico l’amore,
come dimentico la mia mano.
Solo loro possono prendere il mondo
e mettermelo davanti
perché possa toccarlo,
ma non mi ricordano il suo compito.

Dimenticare l’amore e la mano
mi permette di ricordare le cose
e anche di ricordarmi.
Se invece dimenticassi tutto
non dimenticherei però
né la mia mano né l’amore.

Anche vivere è dimenticare che si vive.
E amare dimenticare che si ama.

(da Decimotercera poesía vertical, 1992)

.

Il corpus poetico dell’argentino Roberto Juarroz (1925-1995)  è veramente un’unica opera portata avanti per tutta la vita, frammentata soltanto per esigenze editoriali in quattordici raccolte tutte con lo stesso titolo, Poesía vertical, e con le poesie semplicemente numerate. È un tentativo di dare nome ad ogni cosa, un po’ come l’Adamo della Genesi, per riformularne il compito, per comprenderne la funzione: “La mansione della parola / al di la della piccola miseria / e della piccola dolcezza di designare questo o quello / è un atto d’amore: / creare presenza”.

.

escher_hands

DISEGNO DI M.C. ESCHER

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
La poesia si scrive sempre, / la vita si vive sempre, / qualcosa ci tiene svegli sempre: / poesia – sempre. // Essere è la scrittura
.
ROBERTO JUARROZ, Undécima poesía vertical

3 commenti:

Vania ha detto...

..lo letta...vengo/verrò a rileggerla.
e dirò qualcosa.:)

ciaooo Vania

Vania ha detto...

...bellissimi i tre verbi citati....vivere, amare, dimenticare.

ciaooo Vania:)

DR ha detto...

io preferisco: vivere, amare, ricordare

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...