domenica 2 dicembre 2012

Le cose

 

JORGE CARRERA ANDRADE

L’OGGETTO E LA SUA OMBRA

Architettura fedele del mondo,
realtà, più completa del sogno.
L’astrazione muore in un secondo:
basta soltanto uno sguardo corrucciato.

Le cose. Ossia la vita.
Tutto l’universo è presenza.
L’ombra incollata all’oggetto
forse trasforma la sua essenza?

Liberate il mondo - questa è la chiave -
dai fantasmi del pensiero.
Che l’occhio attrezzi la sua nave
per una nuova scoperta.

(da Registro del mundo, 1939)

.

La necessità di cogliere l’universo, di comprenderlo come un osservatore, come un esploratore è alla base di questi versi del poeta ecuadoriano Jorge Carrera Andrade (1902-1978): è una costante della sua poetica questa rincorsa del reale, questa ricerca della struttura recondita che sta dietro le cose, al di là del pensiero, come appare da questi altri versi: “Senza memoria di bussola né di idiomi terrestri, / spronato di cielo, / guadando solitudini senza fiumi, / attraverso la muta geografia del pianeta”. Il compito del  poeta  dunque è quello di lasciarsi attraversare dalle immagini per trasfigurarle con la grazia delle metafore, le chiavi del linguaggio.

.

GIORGIO MORANDI, “COMPOSIZIONE”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Vengo dal mondo – oh, grande sogno! / e una mappa si srotola nella mia voce.
JORGE CARRERA ANDRADE

3 commenti:

Vania ha detto...

...un 'ottima spiegazione.....aggiungo solo...:


http://ideafotografata.blogspot.it/2011/11/ideafotografata12.html


ciaoo Vania:)

nella ha detto...

La trasfigurazione della realtà con l'arte del poeta...Magnifico!

DR ha detto...

la poesia è l'unico grimaldello con il quale si può tentare di aprire la porta del mistero

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...