giovedì 8 novembre 2012

Speranza di rivivere

 

CARLO BETOCCHI

VERSI AD EMILIA

Guarda questi begli anemoni colti
l’altra sera ai colli di Settignano,
alcuni viola, altri più chiari; erano
mezzi moribondi, così sepolti

quasi, fra le tue mani, quasi emigrati
di là, tra le cose che si ricordano,
e invece, vedili, come pian piano
si son ripresi, nell’acqua; esaltati

da una mite speranza di rivivere
si ricolorano su dal corrotto
gambo che la tua forbice recise;

fan come noi, si parlano nel folto
della lor famigliola, e paion dire
molto del breve tempo, molto molto.

.

Carlo Betocchi (1899-1986) con il suo classico stile che riveste il minimalismo quotidiano di significati più alti, rivolgendosi direttamente alla moglie, la musicista Emilia De Palma, evoca l’atmosfera di una gita sui colli di Settignano con la similitudine tra i fiori colti e la famiglia del poeta. Effimera è la vita, destinata a svanire come quei fiori recisi: Betocchi però la vive con religiosa speranza e si affida a questa sorta di suo particolarissimo carpe diem.

.

FOTOGRAFIA © AVIAD2001

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Il tempo è un dio benigno.
SOFOCLE, Elettra

3 commenti:

Federica ha detto...

E' dolce questa poesia e manda un giusto messaggio, la vita prima o poi finisce... cerchiamo di viverla!
A presto, Federica

Vania ha detto...

..e copio...molto molto...questa poesia.


..la frase del giorno un inno alla positività.

ciaoo Vania

..con l'occasione colgo la possibilità di dire...(carpe diem)...la foto è calzante.:)

DR ha detto...

vero, è tempo di abbandonare le paranoie e finalmente vivere

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...