sabato 24 novembre 2012

I miei stracci

 

VASKO POPA

RIDAMMI I MIEI STRACCI

Ridammi i miei stracci

I miei stracci di sogno puro
Fatti con il sorriso di seta del mio intermittente presagio
Fatti con questa mia stoffa di pizzo

I miei stracci di speranze invisibili
Fatti del mio desiderio che brucia
Fatti dell'arcobaleno di sguardi del mio viso

Ridammi i miei stracci
Ridammeli li voglio davvero.

(Traduzione di Luciano Luisi)

.

L’amore è finito. Restano ricordi, restano pensieri, restano impressioni. Vasko Popa (1922-1991), poeta serbo, si sente defraudato, impoverito di quel nulla che aveva. Ed è quello che ora richiede, come d’usanza i fidanzati che si lasciano si restituiscono i reciproci regali: sono i sogni, i desideri, le speranze che lui vuole indietro – anche se, ahimè, è probabile che ormai siano andati perduti, siano usciti ammaccati e danneggiati dalla fine di una storia d’amore.

.

MIHAI CRISTE, “THE SILENT REVOLUTION”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
L'inizio è dolce, assurdo felice. L'intreccio pieno di buona volontà, forte e carico di tensioni. La fine una lacerazione.
NURIA BARROS

2 commenti:

Vania ha detto...

...è simpatica...e ha una sua nota/storia veritiera....ben leggibile/comprensibile.

...quel... "li voglio davvero" ..ne è conferma in modo delizioso e direi "superlativo".:)

ciaooo Vania

DR ha detto...

il desiderio di riprendere la vita interrotta

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...