giovedì 1 novembre 2012

Due poesie per novembre

 

È difficile trovare poesia nel mese di novembre. Eppure, tolti forse gli individui solari che vivono dell’estate, noi malinconici riusciamo a scorgere il brillio dell’emozione anche nelle nebbie novembrine, nell’annuncio d’inverno accennato dalle brine del mattino, dall’aria gelida che taglia come una lama quando cade la notte. I poeti colgono questi fiori metallici e ce li donano: ecco allora lo svedese Tomas Tranströmer (Stoccolma, 1931), Premio Nobel 2011, e l’ungherese Gyula Juhász (1883-1937).

 

 

TOMAS TRANSTRÖMER

NOVEMBRE

Quando il boia si annoia si è in pericolo.
Il cielo incandescente si arrotola.

Da una cellula all’altra si sente scricchiolare
e lo spazio sgorga dal ghiaccio.

Le pietre brillano come lune piene.

(da Il grande mistero, Crocetti, 2011 - Traduzione di Maria Cristina Lombardi)

.

.

.

 

GYULA JUHÁSZ

CANTILENA DI NOVEMBRE

I tristi pagliai anneriti
stanno in grembo all’autunno, spersi nella pioggia.
Un pioppo si rannicchia sotto il vecchio cielo
che specchia i tempi che se ne vanno.

O tristi pagliai anneriti,
dov’è l’estate, dove sono le frecce di fuoco e le danze?
Un pioppo si rannicchia sotto il vecchio cielo,
filtrano dell’autunno lacrimose fragranze.

I tristi pagliai anneriti
stanno in grembo all’autunno, spersi nella nebbia.
Ancora una volta il mondo si fa più desolato
e questo cuore ancora una volta muore sfinito.

(Traduzione di Mario De Micheli e Eva Rossi)

 

.

FOTOGRAFIA © DAVID MILLER

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Buio mattino di novembre, spenta / giornata in acque uguali.
GIORGIO VIGOLO, Conclave dei sogni

2 commenti:

Vania ha detto...

...un novembre raccontato e regalato a Noi : forgiato da questi Poeti.

ciaoo Vania

DR ha detto...

sì, questa è la bellezza della poesia: che si può condividere

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...