sabato 1 settembre 2012

Due poesie per settembre

 

Ritorna settembre, mese mite che accantona l’affannosa calura estiva e introduce con immensa dolcezza all’autunno. È questa tranquillità che sottolineano due grandi poeti del Novecento italiano, Giorgio Vigolo (1894-1983) e Leonardo Sinisgalli (1908-1981): una tranquillità cui abbandonarsi come a un abbraccio prima che venga la stagione del freddo..

.

GIORGIO VIGOLO

SETTEMBRE

Ho sognato settembre: una strada
scendeva in giri cantabili
fra colli di rosea pietra e di piante.
Beatitudine mia.
M'abbandonavo sull'aria materna.
Dietro le spalle un oro
sereno sentivo dal mare
invisibile.

Al sol cadente i cupi
massi di musco avvolti
parean tenere e pure
materie d'un più lieve
pianeta.
E una luce sui prati erano acque
fini, sorgenti come cielo: senza
peso salivano il colle
e sugli erbosi ammanti
delle grotte facean fulgida l'ombra.

(da Conclave dei sogni, 1935)

.

.

.

LEONARDO SINISGALLI

IMITAZIONE DELLA LUNA

La luna sanguina alle corna, mite
Settembre torna ai davanzali.
Ai davanzali una voce balbetta:
Luna, luna nova
Chi ti cerca non ti trova
Chi ti trova non ti aspetta.
Luna mia alta dove
È il gatto riverso che si spulcia?
Io non lo cerco altrove, luna
Amorosa. Bruciano
Gli occhi al buio, brucia
La tuberosa di settembre luna
Sempre dolorosa.

(da Il cacciatore indifferente, 1942)

.

.

ALFRED SISLEY, “SEPTEMBER MORNING”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Le piogge di Settembre già propizie / gonfian sul ramo fichi bianchi e neri, / susine claudie... A chi lavori e speri / Gesù concede tutte le delizie!
GUIDO GOZZANO, La via del rifugio

2 commenti:

Vania ha detto...

...settembreeeee...:))
ciaoo Vania

DR ha detto...

il mio mese :-)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...