martedì 18 settembre 2012

Di mattina

 

MANOLIS ANAGNOSTAKIS

IL MATTINO

Di mattina
Alle 5
La secca
Eco metallica
Dopo che i camion carichi
Hanno fatto a pezzi le porte del sonno.
E l’«addio» finale al giorno prima
E gli ultimi passi sulle piastrelle umide
E la tua ultima lettera
Nel quaderno di aritmetica della tua infanzia
Come la griglia della finestrella
Che fa salire il corteo del gioioso sole
Del mattino con nere linee perpendicolari.

.

Il risveglio, il trauma di ripiombare nella vita dopo essere stati nelle tenere braccia del sogno, avere rivissuto amori e periodi felici, avere appagato i nostri desideri inconsci. Spesso mi chiedo – ogni martedì e venerdì, precisamente – perché mai i camion della nettezza urbana debbano fare così tanto rumore: come Jacques Prévertesco dal letto di buonora / Quasi ogni giorno della mia vita / E taglio il collo in pieno sole / Ai più bei sogni delle notti mie”. Un fracasso simile probabilmente è all’origine di questi versi del poeta greco Manolis Anagnostakis (1925-2005), che riteneva le parole inadeguate ad esprimere l’universo – lo fa attraverso sensazioni, immagini e suoni – tanto da non scrivere più nulla dopo il 1960, affidando al silenzio la poesia.

.

ALYSIA MACAULAY, “DAWN WINDOW, 2010”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
A tutti è dovuto il mattino, ad alcuni la notte. A solo pochi eletti la luce dell'aurora
.
EMILY DICKINSON, Poesie

2 commenti:

Vania ha detto...

...ti rispondo...perchè la vita ha anche immondizia da raccogliere....;))

...e si...la poesia...il "vetro"...infranto.:(...:)

però...il poeta...coglie...e sparge il suo profumo dei suoi fiori raccolti.:)

ciaoo Vania :)

DR ha detto...

i poeti analizzano tutto, ogni cosa entra nelle poesie

(anche stamattina sono passati i camion dell'Econord, nel dormiveglia delle 6 e 30, ma era ormai tempo di svegliarmi)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...