giovedì 2 agosto 2012

Questa è la domanda

 

CARLOS PUJOL

RICORDARSI DI ALLORA

Ricordarsi di allora,
delle ferite che si conoscono a memoria,
aperte come labbra
che tacciono perché il tempo si vergogna
del suo inutile linguaggio.
Ma questa è la domanda:
con quale antico dolore dobbiamo pagare
il poco che sappiamo?

.

Tutti noi abbiamo antiche ferite che il tempo ci ha inferto, e molte di queste non si rimargineranno mai, resteranno vive e aperte a lungo: “Dammi dolore cibo cotidiano” scriveva Salvatore Quasimodo in una sorta di poesia-preghiera in Acque e terre. I nostri ieri, il passato che ha costruito le persone che siamo ora, ci presentano continuamente il conto, ci obbligano a guardare indietro, a scontare errori e sofferenze. «Perché?» ci domandiamo talora. È una domanda che si pone anche il poeta e romanziere catalano Carlos Pujol (1936-2012): con quanto dolore ci tocca pagare il granello di sabbia di universo che conosciamo?

.

LUCIO FONTANA, “CONCETTO SPAZIALE”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Per dare un nome al mondo, / che è limpido e misterioso come l’acqua, / cerco canzoni nuove che risuonino / come uno scampanellio nella memoria.

CARLOS PUJOL

2 commenti:

Vania ha detto...

...mi è difficile...non so se la capisco.:(

....ho riscritto il commento un paio di volte...comunque...:
...si nasce e si muore....ma non si sa nulla dell'"intermezzo musicale".:)))

ciaoo Vania

DR ha detto...

sono i misteri insolubili dell'animo umano

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...