mercoledì 8 agosto 2012

In un giardino


ALEXIS DIAZ PIMIENTA

IL POETA FRUSTRATO

A volte vorrei essere un poeta sociale,
di quelli che scrivono versi duri come pane raffermo,
versi osceni,
grassi,
asfissianti.

A volte vorrei essere Juan Gelman,
mettere la parola “fuoco” in una strofa,
scrivere un verso lungo come il sibilo d'una pallottola.

Ma sono in un giardino
che ti aspetto,
tu arrivi all'improvviso,
con la tua gonna cortissima,
e il vento apre tutte le prigioni.

.

I versi del poeta cubano Alexis Diaz Pimienta (L’Avana, 1966) mi hanno fatto pensare a una diatriba di tempi ormai lontani, quelli in cui si processavano pubblicamente cantautori come Lucio Battisti e Claudio Baglioni perché dediti a cantare esclusivamente l’amore e lil lato privato dell’esistenza, mentre altri – Guccini, Vecchioni, Venditti - facevano la loro fortuna raccontando il sociale. Il mondo è bello perché è vario, perché non c’è un pensiero dominante o uno stile imperante: Diaz Pimienta, che tra l’altro è un abile “repentista”, ovvero improvvisatore di versi cantati, non si vergogna – come non si vergognavano Battisti e Baglioni – dello scrivere d’amore. Lascia ad altri l’impegno, il gusto politico, conscio, come Hermann Hesse, che “Il principio di ogni arte è l'amore; valore e dimensione di ogni arte vengono soprattutto determinati dalle capacità d'amore dell'artista”. E resta in quel giardino, che abbiamo già visto protagonista delle sue poesie, ad inseguire l’amore.

.

image

LEONID AFREMOV, “COUPLE UNDER RAIN”

.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------
LA FRASE DEL GIORNO
Non leggiamo e scriviamo poesie perché è carino: noi leggiamo e scriviamo poesie perché siamo membri della razza umana; e la razza umana è piena di passione. Medicina, legge, economia, ingegneria sono nobili professioni, necessarie al nostro sostentamento; ma la poesia, la bellezza, il romanticismo, l'amore, sono queste le cose che ci tengono in vita
.
TOM SCHULMAN, L’attimo fuggente, sceneggiatura

4 commenti:

Vania ha detto...

....questa poesia....."incendia"....non servono parole di "fuoco".

...la foto ...capisco....ma avrei utilizzato qualcosa di più leggero nei colori...ecco come hai detto:"Il mondo è bello perché è vario"....e poi ...ogni persona mette in "piazza" quello che vuole...e altre volte mette in piazza anche quello che non vuole ...senza accorgersene.:))

...la frase del giorno...merita di essere letta.

Vania ha detto...

...sono talmente di corsa che ho mancato al saluto.
Ciaoooo Vania :))

DR ha detto...

la frase del giorno: non di solo lavoro vive l'uomo

il dipinto: non ho trovato un uomo con un mazzo di fiori che aspetta una donna, quella era la mia idea

Vania ha detto...

...allora facciamo che non si vede il mazzo di fiori...già consegnato.:))))
ciaoo Vania

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...